Ballao

Cagliari, app per pagare il parcheggio

Parcheggi con app e smartphone anche negli stalli gestiti a Cagliari da Apcoa. Il capoluogo sardo inaugura il nuovo servizio che sarà attivato nei prossimi giorni anche nel resto d'Italia. E, per chi scaricherà l'applicazione entro l'anno, chiamata Apcoa flow, è previsto uno sconto - per i primi dodici mesi - del 10%. Per il momento la svolta tecnologica riguarderà i posteggi in superficie della zona del Tribunale, del porto e di via Regina Elena. Poi gradualmente il servizio sarà esteso nei due parcheggi in struttura Amat e Regina Elena. È una novità che va a completare il sistema di pagamento con il cellulare già avviato con l'altro gestore dei parcheggi cittadini, la Parkar. In questo rilascio è inclusa la funzione di indirizzamento: Apcoa flow trova il posteggio più vicino alla posizione dell'auto, limitando quindi il tempo trascorso alla ricerca dello stallo. Addio alla ricerca del parcometro per stampare il biglietto. E nessun un credito prepagato: si usa direttamente la carta di credito. Nel caso in cui la sosta si dovesse protrarre è possibile estendere l'orario direttamente dal telefono, senza dover correre a sostituire il tagliandino per evitare la multa. "Un'ulteriore possibilità - ha detto il sindaco Massimo Zedda - per semplificare la vita di tutti i giorni ai cagliaritani". Parcheggio più facile. E in linea con i tempi. "Molto comodo per pagare senza cercare il parcometro - ha detto l'assessore comunale al traffico Luisa Anna Marras - ed estendere la sosta senza dover raggiungere di nuovo l'auto". Presenti tra gli altri al lancio del servizio anche l'amministratore delegato di Apcoa Arturo Benigna, il presidente della camera di commercio Maurizio De Pascale e la responsabile marketing dell'Autoritá di sistema portuale del mare di Sardegna Valeria Mangiarotti. I parcheggi a Cagliari gestiti in superficie da Apcoa sono oltre 1.100 (circa trecento nel porto). A questo numero vanno aggiunti i posti in struttura: il servizio sarà esteso ai multipiano a partire dalla metà del prossimo anno.(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie